Zuppa per la mente a Milano

Quando si ha fame non si ragiona. Così si dice, anche se Franca Formenti, artista performer, scommette da qualche anno sul contrario. Con il suo progetto Foodpower sta cercando di far riflettere le persone sul cibo, sulla sua importanza, su chi ce l’ha e chi non ce l’ha, e perché.


Ieri sera in una gelida piazza Argentina a Milano ha organizzato Beggar’s Food, un’altra delle sue performance (questa con lo zampino di Dissapore.com), architettandola da vera maga dei rovesciamenti. Sotto un gazebo ha creato un punto di ristoro che offriva un’ottima zuppa di porri e patate, con salvia e maggiorana, autrice della quale era una signora con piumino chiaro, alla quale ho dimenticato di chiedere il nome. Ovviamente, il fuoco della vicenda non era sulla ricetta – devo dire molto gustosa, ben eseguita e ideale per il freddo boia di questi giorni – ma sul chi offriva cibo caldo, a chi e come.

A portare in giro i vassoi con le ciotoline di vellutata erano giovani extracomunitari europei e africani, che, per attrarre ancor di più l’attenzione dei passanti, recavano in mano cartelli con su scritto “HAI FAME?”. I caratteri erano in arancione, colore la cui vista pare aumenti la salivazione.

Un ragazzo africano o albanese che pone questa domanda a un padano occidentale adulto fa sorridere, poi meditare. Chi ha più fame, lui o io? Che differenza c’è tra lui e me? Ho paura di lui? È così vero che la nostra contiguità crei solo problemi? Non può essere foriera di opportunità?

Completava il corredo di questi dispensatori di cibo per la mente un barattolino per la raccolta di libere offerte/compensi. Che fossero le une o gli altri, erano pienamente meritati dai  performer. Che più “di strada” non potevano essere.

Annunci

Tag: , , ,

3 Risposte to “Zuppa per la mente a Milano”

  1. FOODPOWER Says:

    caro stanislao
    grazie mille per lo splendido post e per tutti gli spunti che ho rubato dai tuoi libri 🙂
    te l’ho già detto più volte …se FOODPOWER si è ritrovato per strada è stato solo per causa tua.

  2. giagio Says:

    Splendida iniziativa e ottimo post!

  3. Gabriele Says:

    Bel post, Stanis, anche se lo leggo in ritardo. Ti muovi bene nei nuovi media e scrivi con la giusta misura. ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: