Archive for gennaio 2009

Cibo, arte e potere

21 gennaio 2009

formenti

Che il cibo sia un’importante forma di cultura è pacifico. Talvolta è proprio fonte dì ispirazione per opere d’arte, come la celebre natura morta Canestra di frutta di Caravaggio. Tutt’altro che morta, però, è la “natura” evocata  in Foodpower, performance che  Franca Formenti propone  a Bologna, domenica 25 gennaio alle 21, presso il Museo della musica, Palazzo Sanguinetti, Strada Maggiore 34. Ingresso libero.

È una natura viva come il nostro presente quella che Foodpower indaga, con immagini, parole ed opere che raccontano il potere del cibo nel mondo. Detta così, potrebbe sembrare uno sterile ragionamento sui massimi sistemi. E invece, no. Se ci andate a stomaco vuoto, come esplicitamente richiesto a tutti i partecipanti, cambierete idea. Raramente avrete occasioni più gustose per riflettere con la testa – e con lo stomaco – sul problema dei problemi.

Altro che Buco

17 gennaio 2009
Lo chef Giuseppe Aversa

Lo chef Giuseppe Aversa

Scricchiolano le giunture di falangi e falangette, si ricollegano faticosamente le sinapsi, l’occhio mette a fuoco i pixel ed ecco che ritorno, dopo una vita, a scrivere sul blog. Ancora una volta si tratta di un off topic. Perché? Cibi di strada, nel periodo natalizio, ne ho visti veramente pochi. In compenso durante un’incursione sorrentina ho visitato un ristorante che avrei già dovuto conoscere, e che invece era sfuggito al mio carnet: il Buco.

Passo indietro. Il 25 novembre, ancora stravolto per Re Panettone, grazie al quale ho perso 4 chili, ho avuto il piacere di conoscere lo chef Giuseppe (Peppe) Aversa sul set de La cucina di Natale, trasmissione di Gambero Rosso Channel alla quale eravamo stati entrambi invitati, per parlare con Francesca Barberini delle specialità natalizie partenopee. Lui, però, non si è limitato a parlarne; ci ha anche fatto assaggiare struffoli, baccalà con insalata di rinforzo, ziti al ragù, capitone arraganato e minestra maritata – sì, proprio in quest’ordine, dettato da bizzarre esigenze tv. Piatti così interessanti e puliti, da indurmi a inserire il suo ristorante tra le tappe obbligatorie del mio Natale sudista.

(more…)