È un articolo scientifico, non una pizza

Giuseppe Parente, Cibo veloce e cibo di strada. Le tradizioni artigianali del fast-food in Italia alla prova della globalizzazione, «Storicamente», 3 (2007), http://www.storicamente.org/03parente.htm

Non lasciatevi spaventare dal fatto che sia scritto su una rivista scientifica: quest’articolo è assai digeribile, a patto che vi interessino i temi trattati.

Passati in rassegna alcuni esempi di cibi di strada italiani, viene messa bene a fuoco la differenza fra lo street-food della tradizione e il fast-food. Posto che la fruizione rapida è comune ad entrambe le tipologie, da una parte c’è l’artigianato, la manualità, l’uomo; dall’altra l’industria, la produzione in serie, il franchising.

Il bello – si fa per dire – è quando le tradizioni incontrano l’industria, come accade nella catena israeliana Ma’Oz, che propone falafel, e in quella italiana Spizzico, che tutti conosciamo. Quanto c’è di buono, quanto di pessimo? Leggete l’articolo.

Annunci

Tag: , , , ,

2 Risposte to “È un articolo scientifico, non una pizza”

  1. Gianni Says:

    Vorrei fare un’osservazione. Mi sembra che, almeno a Milano, i cibi da strada nel senso più stretto (quelli venduti da un apposito carretto o microfurgone) vengano un po’ scoraggiati. A parte i gioiellieri delle castagne in piazza Duomo, mi sembra che non si vedano da nessuna parte i carretti con cibi vari che si incontrano invece con una certa facilità nelle città straniere.

  2. Chef Kumalé Says:

    Bravo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: